Rapsodia delle Realtà

…UN DEVOZIONALE QUOTIDIANO

DOMINIO SULLA MORTE ——LUNEDÌ 27

Sapendo che Cristo, risuscitato dai morti, non muore più; la morte non ha più potere su di lui (Romani 6:9).

La scrittura sopra è uno dei versi più sorprendenti di tutto il capitolo 6 della lettera ai Romani, per le implicazioni che ha. Non dice: “Sapendo che Gesù, risuscitato dai morti non muore più…”; piuttosto, dice: “…sapendo che Cristo, risuscitato dai morti, non muore più…“ La domanda è: chi è Cristo? Cristo è Gesù e Cristo è il Suo corpo, la Chiesa! Gesù è il capo e la Chiesa è il Suo corpo. La testa e il corpo formano Cristo. Quando viene personalizzato, è “Gesù”. In alcuni casi, viene aggiunto un titolo “Gesù Cristo” o “Cristo Gesù”. Ma ogni volta che studi il Nuovo Testamento e vedi “Cristo”, tranne che il contesto imponga diversamente, intende Gesù e la Chiesa, il Suo corpo.la morte non ha più dominio sulla testa, non ha dominio sulla mano, sulle gambe o su qualsiasi altra parte del corpo. (https://tniglobal.org/2020/07/27/rapsodia-delle-realta/) Il verso 10 dice: “Poiché il suo morire fu un morire al peccato, una volta per sempre; ma il suo vivere è un vivere a Dio” (Romani 6:10). Che versetto! Devi leggerlo e dichiarare: “Sono vivo dai morti!” Abbi questa coscienza! La morte non ha dominio su di te perché attraverso Gesù Cristo hai la vita eterna; sei stato portato nella vita e nell’immortalità (2 Timoteo 1:10). Perciò non aver paura perché la morte è stata paralizzata ed è stata sconfitta da Gesù. Ebrei 2: 14-15 dice: “Poiché dunque i figli hanno in comune sangue e carne, egli pure vi ha similmente partecipato, per distruggere, con la sua morte, colui che aveva il potere sulla morte, cioè il diavolo, e liberare tutti quelli che dal timore della morte erano tenuti schiavi per tutta la loro vita”.Quando Gesù sconfisse la morte, eravamo in Lui. Insieme a Lui, abbiamo trionfato sulla morte e sulla tomba. Non c’è da stupirsi che 1 Corinzi 15: 54-55 dice: “…La morte è stata sommersa nella vittoria. O morte, dov’è la tua vittoria? O morte, dov’è il tuo dardo?”

CONFESSIONE

Sono stato crocifisso con Cristo, eppure vivo: non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me! la vita che vivo ora nella carne, la vivo nella fede nel Figlio di Dio! Sono libero dal peccato e dalla morte! Sono partecipe della sua natura divina. Alleluia!

ULTERIORI STUDI:

1 Corinzi 15:55-57; Romani 8:1-2; Giovanni 5:24

Download